Gli atti e le dottrine esemplari di “san” Giovanni Paolo II

1. Atti

Leggiamo su “L’Osservatore Romano” dell’11 agosto 1985 in un resoconto del viaggio “apostolico” in Togo:

Ed è stato proprio un omaggio agli antenati il primo gesto compiuto da Giovanni Paolo II appena giunto a Togoville. Gli è stata portata una zucca secca riempita con acqua e farina di mais. Il Papa l’ha presa tra le sue mani e dopo un leggero inchino ha sparso l’acqua tutto intorno. Lo stesso gesto aveva compiuto questa mattina a Kara, prima di celebrare la messa. Si tratta di un’usanza alla quale i togolesi tengono in modo particolare. L’ospite accetta l’acqua, simbolo della prosperità, e la condivide con gli antenato spargendola su quella stessa terra che ne custodisce le spoglie mortali e lo spirito. Le breve cerimonia si è svolta nel più assoluto silenzio.

E’ lo stesso “Pontefice” a raccontarlo in prima persona nell’Udienza Generale del 21 agosto 1985:

Ho avuto la gioia anche di vari incontri con i fratelli appartenenti alle Chiese cristiane non cattoliche, e anche con i musulmani e i seguaci delle religioni tradizionali. […] Caratteristico è stato, in particolare, l’incontro di preghiera al santuario di Nostra Signora della misericordia, a Lago Togo, dove ho pregato per la prima volta anche con gli animisti.

Ce lo dice lui stesso: «Ho pregato con gli animisti». E’ terribile! Un “Papa” che si dà spudoratamente al paganesimo, che Papa è? Come può essere di esempio per il suo gregge? Come può insegnare la Verità di Cristo? Come può convertire e ammaestrare le nazioni? Un cristiano che prega con gli animisti, può essere veramente un Santo? Può davvero essere elevato agli onori degli altari?

2. Dottrine

Nella sua prima Enciclica (la “Redemptor hominis” del 4 marzo 1979) il Papa scriveva al n. 6:

Pur se in altro modo e con le dovute differenze, bisogna applicare ciò che è stato detto all’attività che tende all’avvicinamento con i rappresentanti delle religioni non cristiane, e che si esprime mediante il dialogo, i contatti, la preghiera comunitaria, la ricerca dei tesori della spiritualità umana, i quali – come ben sappiamo – non mancano neppure ai membri di queste religioni. Non avviene forse talvolta che la ferma credenza dei seguaci delle religioni non cristiane – effetto anche essa dello Spirito di verità, operante oltre i confini visibili del Corpo Mistico – possa quasi confondere i cristiani, spesso così disposti a dubitare, invece, nelle verità rivelate da Dio e annunziate dalla Chiesa, così propensi al rilassamento dei princìpi della morale e ad aprire la strada al permissivismo etico?

All’interno di un lungo fraseggio e di una domanda retorica, apparentemente evocatrici di pietà e ortodossia, si cela una equivalenza sorprendente, anzi davvero scioccante.

Il Papa scrive, apertis verbis, che «la ferma credenza dei seguaci delle religioni non cristiane» è «effetto anche essa dello Spirito di verità, operante oltre i confini visibili del Corpo Mistico».

Quindi, secondo lui: lo Spirito Santo, agendo al di fuori della Chiesa, produce e rafforza la credenza dei non-cristiani nei loro falsi dèi.

Come sia stato possibile tollerare un’affermazione del genere è un mistero. Mysterium iniquitatis!

Lo Spirito Santo, quando opera, fa conoscere il Padre e il Figlio, come è scritto in San Giovanni Evangelista: «Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future» (Giovanni 16,13).

Affermare il contrario equivale semplicemente a bestemmiare Dio e calpestare la Sacra Scrittura.

E’ del tutto evidente che il “magistero” post-conciliare ha traghettato i fedeli dal detto biblico «Omnes dii gentium daemonia» (Salmi 95,5) e dall’osservanza del Primo Comandamento del Decalogo, al loro esatto contrario: a un “dio” che si nega e si rinnega, e a “fedeli” che si uniscono nel culto agli infedeli.

Con questa enciclica “papale” siamo alla blasfemia e all’apostasia.

3. Canonizzazioni a uso e consumo della neochiesa

L’ex Arcivescovo di Buenos Aires, Líder Máximo de la Nueva Iglesia, non poteva non canonizzare un uomo con tali referenze.

Stiamo attenti.

Non dobbiamo seguire le dottrine degli eresiarchi. Non dobbiamo ascoltare le loro eresie. Dobbiamo anzi smascherarli per quello che sono. E dobbiamo denunciare le loro eresie.

Stiamo attenti! Se anche un angelo dal cielo annunciasse un vangelo diverso da quello che abbiamo ricevuto, siamo tenuti a non seguirlo. Non

Sforziamoci di mantenere la Fede cattolica, la Fede autentica dei Concilii Tridentino e Vaticano I e di tanti Santi Pontefici.

Non dobbiamo seguire la neochiesa nella sua apostasia.

6208798311_97e5190c26_b

Annunci

Verbum panis = heresy

Caricato il 07 dic 2008 da Giovanni da Rho – Saying “Verbum panis factum est” favours the heresy of impanation. Please read:

http://www.newadvent.org/cathen/07694a.htm

“Verbum caro factum est” dicit Spiritus in Evangelio Ioannis.
Verbum panis factum est?
Verbum = Filius aeternus Patris = secunda Persona Sanctissimae Trinitatis.
Caro = homo.
Verbum = natura divina, caro = natura humana.
“Verbum caro factum est” = mysterium incarnationis = hypostatica unio duarum naturarum in persona Christi.
Continua a leggere

Mamma, mi si sono ristrette le anime!

Un altro di quei fraseggi assurdi che di tanto in tanto rimbalzano da Santa Marta.

Signore Gesù, Pastore Sommo e Buono, aiutaci a seguirTi: nelle tentazioni e nelle tribolazioni, non abbandonarci! Non permettere che nei nostri animi penetri il veleno dell’antico serpente che ancora oggi vuole ingannarci sulla bontà dei Tuoi Comandamenti. Non permettere, Signore, che i Tuoi figli soccombano al Nemico per il pensiero che seguendo la Tua Legge ci paralizziamo o dimentichiamo le grazie ricevute o perdiamo la memoria o la speranza. No, Divino Maestro, no! Aiutaci piuttosto a vivere posponendo tutto -tutto-, alla violazione dei Tuoi Precetti. Pietà di noi, Signore. Amen.

L’aborto in Vaticano

Bergoglio a favor del Aborto.


Pubblicato il 08 set 2016 da Miguel Arcangel – Gloria.TV Noticias del 7 de septiembre del 2016 – En un mensaje titulado, “para la celebración del Día Mundial de la Oración para el Cuidado de la Creación,” Francisco declaró que estaba – cita – “satisfecho de que en septiembre del 2015 las naciones del mundo adoptaron los Objetivos de Desarrollo Sostenible, y que , en diciembre de 2015, ellos aprobaron el Acuerdo de París sobre el cambio climático.” los Objetivos del Desarrollo sostenible piden a los Estados miembros “garantizar el acceso universal a la salud sexual y reproductiva ” para el 2030. El término ”salud sexual y reproductiva” incluye el acceso a los anticonceptivos, incluidos los métodos abortivos, y otras formas de aborto.

+

Vaticano invita a hablar al abortista Ehrlich que equiparó a los hijos con Basura.


Pubblicato il 19 gen 2017 da Miguel Arcangel – LifeSite News publicó una lista de las cosas más delirantes proferidas por el activista del aborto Paul Ehrlich que estará hablando en el Vaticano el próximo mes. Entre otras, Ehrlich comparó a los bebés humanos con la basura y afirmó que las enseñanzas morales de la Iglesia Católica son “tan poco éticas” como un “acto terrorista”. Él llamó a la jerarquía de la Iglesia Católica una fuerza de “mal”. En nuestros días sobre esto (último) podemos estar de acuerdo.

+

Paul Ehrlich: Vatican Pro-Abort


Pubblicato il 10 feb 2017 da TheRemnantvideo – Why is the granddaddy of the pro-abort, population-controlling global elites going to be an honored guest speaker at the Vatican on February 27, 2017? Does this have anything to do with Catholics not “breeding like rabbits”? What in heaven’s name is going on in the Vatican?

+

“SPUNTO DI RIFLESSIONE: Aborto in Vaticano. Non vi è mai un limite al peggio” di Fra Cristoforo

https://anonimidellacroce.wordpress.com/2017/02/28/spunto-di-riflessione-aborto-in-vaticano-non-vi-e-mai-un-limite-al-peggio-di-fra-cristoforo/

+

“Spifferi parte XII: i vergognosi insabbiamenti della Sala Stampa Vaticana” di Fra Crisoforo

https://anonimidellacroce.wordpress.com/2017/03/02/spifferi-parte-xii-i-vergognosi-insabbiamenti-della-sala-stampa-vaticana-di-fra-crisoforo/

+

Bergoglio e Pannella, affinità elettive

https://cronicasdepapafrancisco.wordpress.com/2017/02/02/bergoglio-e-pannella-affinita-elettive/

 

Ecclesia apostaticorum n.3

I nostri “pastori” sono abituati – e vogliono abituarci – a violare sistematicamente il Primo Precetto del Decalogo:

Non avrai altro Dio all’infuori di Me.

Dobbiamo perseverare nella Verità Ricevuta e Conosciuta, e uscire da questa Babilonia spirituale che è l’adulterio del “popolo di Dio” consumato con dèi che non esistono, con religioni lontane dalla verità, e con chiese che Gesù non ha fondato.