Lunga vita al Papato!

La raggelante “Declaratio” che Papa Benedetto XVI ha comunicato ai Cardinali e al mondo lo scorso 11 febbraio attiene a una decisione del Sommo Pontefice -quella di abdicare- che è certamente lecita sotto il profilo canonico e che è dovuta alle motivazioni che lo stesso Pontefice ha illustrato.

Tuttavia non si può non notare che questo «grave» atto potrebbe condurre in futuro a stravolgere la dottrina cattolica sul Primato di Pietro. Vorrei qui elencare gli errori che nei decenni futuri dovranno essere evitati:

1. Il vigore fisico è una caratteristica essenziale all’esercizio del “ministero petrino”.

Al contrario, ritengo che come Cristo regnò dalla Croce, così il Sommo Pontefice, vicario di Cristo, porta a compimento la sua missione di Pastore e Maestro universale anche nel letto di morte. «Quando sono debole, è allora che sono forte» (2Cor 12,10).
Continua a leggere

Preghiera di Giovanni XXIII per il Concilio Ecumenico

Nell’imminenza del Concilio, papa Giovanni XXIII fece distribuire questa bellissima “Preghiera per il Concilio Ecumenico”:

O Divino Spirito, che, inviato dal Padre nel nome di Gesù, assisti e guidi infallibilmente la Chiesa, effondi sul Concilio Ecumenico la pienezza dei tuoi doni.

O soave Maestro e Consolatore, illumina la mente dei nostri Presuli, che solleciti all’invito del Sommo Pontefice Romano si riuniranno a solenne adunanza.

Fa’ che da questo Concilio maturino frutti abbondanti: ognor più si diffonda la luce e la forza dal Vangelo nella umana società; nuovo vigore acquisti la religione cattolica e il suo impegno missionario; si giunga a più profonda conoscenza della dottrina della Chiesa, e ad un salutare incremento del costume cristiano.
Continua a leggere

Pro Patria nostra

Vi supplichiamo, o Signore, per l’intercessione di Maria Santissima, nostra celeste Madre, di preservare da tutte le avversità la nostra Patria, che a Voi raccomandiamo con tutto il cuore e di difenderla coi vostri aiuti da tutti i suoi nemici.
Purificate e fortificate, o Signore, il Vostro popolo: e poiché lontano da Voi non si può trovare salute, degnateVi Voi di reggerlo sempre e di sempre corroborarlo con la Vostra Misericordia.
Amen.